Dall'esame dei dati 2008 pubblicati dall'Ufficio Ticinese di Statistica (USTAT) la Microimpresa ticinese appare sostanzialmente stabile, con una leggera crescita.

Rispetto ai dati 2005 (che sono in parte riassunti in questo documento) troviamo 1'100 microaziende e 3'500 addetti in più. Tuttavia una crescita di pari intensità si è verificata anche nelle aziende più grandi e i rapporti rimangono quindi costanti: le microimprese rappresentano l'86% di tutte le imprese, impiegando il 33% di tutti gli addetti ticinesi. In media una Microimpresa impiega 3.3 addetti ma quelle con meno di 2 addetti sono il 43%. Inoltre quasi un lavoratore su cinque in Ticino (18.4%) lavora in microimprese con meno di 2 addetti. 

Leggi tutto: Tutti i numeri della Microimpresa ticinese

Microimpresa e Microcredito

Il perché di un matrimonio difficile

 

Lugano, Marzo 2010

Un aspetto critico per chi inizia una piccola attività è costituito dall'assenza pressoché totale di possibilità di finanziamento bancario. La situazione può essere così riassunta: se il neo imprenditore non ha tutto il capitale che gli serve per avviare e sostenere l'azienda, ben difficilmente potrà fare ricorso ad un prestito bancario o ad una linea di credito.

L'avviamento di una microimpresa non necessita di grandi investimenti ma questo, che sembra un vantaggio, è il problema principale: un prestito di 30'000 Franchi infatti non rappresenta un affare interessante per una Banca, visto che le spese interne all'organizzazione bancaria per gestire il caso superano l'utile in interessi percepibili in base ai parametri di mercato. Se consideriamo che oggi l'86% di tutte le imprese svizzere e ticinesi ha meno di 10 dipendenti, è chiaro che siamo di fronte ad un grosso problema per lo sviluppo dell'economia. Eppure le microimprese oggi impiegano circa 1/3 di tutti gli addetti e rappresentano 1/3 del Prodotto Interno Lordo. Oltre alle microimprese sono in netta difficoltà anche le piccole e medie imprese e tutte quelle aziende che, per la crisi in atto, hanno bisogno di un sostegno finanziario.

Questa è la realtà che osserviamo e ce ne siamo chiesti i motivi. Questo studio vuole rappresentare una elencazione di cause ed un primo tentativo di indicare soluzioni.

Leggi tutto: Microimpresa e Microcredito

Grazie ai dati pubblicati ad inizio dicembre da Creditreform, nostro socio della Rete Professionisti, possiamo esaminare più in dettaglio come la crisi tocca il nostro Cantone.

Nuove iscrizioni, radiazioni, crescita netta nelle principali regioni svizzere

La crisi si manifesta in Ticino con una diminuzione delle nuove iscrizioni cha da noi è più forte che nel resto del paese (Ticino -8.5% - Svizzera -4.9%) e con un incremento delle Radiazioni (dato qui simile tra Ticino e Svizzera) prossimo al 10%.

Leggi tutto: Il Ticino sente la crisi più di altri cantoni

Tirando le somme del 2009, il saldo tra chiusura di attività e creazione di nuove aziende si chiude in Ticino con un vistoso calo: -34,3% (-24% in tutta la Svizzera).

In particolare nel nostro Cantone le nuove imprese sono calate del 10% rispetto al 2008: il dato peggiore di tutta la Svizzera, che vede invece un calo medio del 4%. Contemporanemente le radiazioni sono aumentate dell'8.2%. All'interno delle radiazioni, spicca l'incremento dei fallimenti delle società: +38% in Ticino, contro il 23.5% della Svizzera.

Leggi tutto: Registro di Commercio: saldo di un anno tra i peggiori