Echi dalla realtà italiana:

Perché le Reti crescono

La crescita con­tinua ed espo­nen­ziale delle nuove Reti d’imprese è forse il solo vero fenom­eno nuovo e pos­i­tivo degli ultimi mesi in un con­testo eco­nom­ico che rimane lento e afflitto da vec­chi prob­lemi. Ho già avuto occa­sione di dire che lo sviluppo delle Reti va seguito e accom­pa­g­nato con atten­zione per­ché rap­p­re­senta uno dei pochi per­corsi vir­tu­osi di uscita dalla crisi eco­nom­ica del nos­tro sis­tema imprese.

Quali sono i motivi che mi spin­gono a pen­sare che le Reti non siano una moda, oppure un fenom­eno passeg­gero, drogato da qualche agevolazione fis­cale? Essen­zial­mente due:

  1. le pic­cole imp­rese di stampo arti­gianale, ma ritengo anche altre imp­rese meno pic­cole, hanno capito negli ultimi due anni che la loro dimen­sione è un prob­lema serio. In molti stanno abban­do­nando per motivi di forza mag­giore l’illusione di potere soprav­vi­vere e fare prof­itti nelle nuove regole eco­nomiche con una micro-taglia, flessibile finché si vuole ma palese­mente insuf­fi­ciente a fare alcune cose impor­tanti e nec­es­sarie in azienda. Sono sem­pre più numerosi gli impren­di­tori che stanno pren­dendo coscienza dei pro­pri lim­iti strut­turali: anche se da soli si decide meglio, solo aggre­gan­dosi si con­quista una prospet­tiva per vendere di più o per ridurre i costi più rap­i­da­mente. E’ una svolta epocale anche se non ancora com­presa in pieno dalla stampa. La Rete è la soluzione giusta al momento giusto.
  2. l’effetto emu­lazione è sem­pre stato molto forte nei cir­coli delle pic­cole imp­rese, dei dis­tretti o delle asso­ci­azioni. Il manipolo di pio­nieri che sta lan­ciando le prime reti, o che sta ria­dat­tando reti già fatte alla nuova con­trat­tual­is­tica, è des­ti­nato a trascinare altri impren­di­tori sec­ondo una log­ica vec­chia ma effi­cace nel mondo dei pic­coli impren­di­tori: ‘se l’ha fatto lui, deve essere una cosa valida!’

Pres­sione com­pet­i­tiva, con­sapev­olezza delle poche alter­na­tive disponi­bili e imi­tazione sono suf­fi­ci­enti a fare decol­lare l’unico vero mec­ca­n­ismo di aggregazione tra pic­coli e medi impren­di­tori. Le Reti si molti­plicher­anno; non tutte sono des­ti­nate a suc­cesso per­ché il loro fun­zion­a­mento è com­p­lesso se non viene sostenuto da capac­ità di ges­tione e visione del prog­etto nel medio peri­odo e da deci­sioni cor­ag­giose anche sul fronte degli inves­ti­menti. Non importa, ne sorg­er­anno altre che impar­eranno dagli errori della prima ondata. Il cap­i­tal­ismo indi­vid­uale e famil­iare sta imboc­cando una strada di mutazione genet­ica, innescata dai cam­bi­a­menti cli­matici che sono in prima bat­tuta la debolezza del mer­cato interno e l’irreversibile de-lever­ag­ing, che detto all’italiana sig­nifica che è impos­si­bile crescere aggiun­gendo altro deb­ito ban­cario al già ele­vato liv­ello attuale.

Non ci sono sta­tis­tiche che guidano questa mia rif­les­sione, ma piut­tosto sen­sazioni e l’ascolto di come gli impren­di­tori siano sem­pre più con­sapevoli di dovere mod­i­fi­care alcuni prin­cipi che sono sem­pre sem­brati intoccabili.

L’articolo nella sua ver­sione orig­i­nale è pub­bli­cato da Linker,
http://www.linker.biz.

L'assemblea ordinaria 2011 di FORMiKA si è svolta come previsto il 13 aprile, a Rivera.
L'assemblea ha approvato il consultivo e i conti del 2010, oltre al preventivo del 2011.

In sintesi possiamo riassumere che l'anno 2010, pur essendo stato un anno che per scarsità di risorse  umane nel comitato ha dovuto per forza limitare le iniziative, è comunque stato un anno di crescita (siamo vicini ai 150 soci) e di assestamento delle risorse economiche. Questo ci permette di affrontare il 2011 con i conti in ordine e buone possibilità di investimento.

L'assemblea ha anche approvato le nuove nomine nel Comitato. Esce Yvonne Esposito, che ringraziamo per l'attività svolta ed entrano ben quattro nuovi membri.

La composizione del nuovo Comitato, che si è già riunito il 29 aprile per la assegnazione dei compiti, è la seguente:  

Leggi tutto: FORMiKA: Assemblea 2011 e nuovo Comitato

La Camera di Commercio del Ct. Ticino ci cominica che sono aperte le iscrizioni ai seguenti corsi di formazione:
 
-       Le assicurazioni sociali, http://www.cc-ti.ch/pdf/Flyer_Ass_Sociali_2011.pdf
19 aprile  24 maggio, dalle 14.00 alle 17.30
 
-       Diritto del lavoro, http://www.cc-ti.ch/pdf/Flyer_Diritto_Lavoro_2011.pdf
2, 18 maggio e 1 giugno,dalle 13.30 alle 17.30
 
-       La redazione di verbali, http://www.cc-ti.ch/pdf/Flyer_Verbali.pdf
9 maggio, dalle 09.00 alle 17.00
 
-       Il reclamo del cliente come opportunit?per lazienda, http://www.cc-ti.ch/pdf/Flyer_Reclamo_2011.pdf
12 maggio, dalle 09.00 alle 17.00
 
-       Dirigere: modelli, competenze e caratteristiche, http://www.cc-ti.ch/pdf/Flyer_Dirigere_2011.pdf
16 maggio, dalle 09.00 alle 13.00
 
-       La comunicazione interpersonale, http://www.cc-ti.ch/pdf/Flyer_Com_Personale_2011.pdf
23 maggio, dalle 09.00 alle 17.00
 
-       Inspirational leadership, http://www.cc-ti.ch/pdf/Flyer_Leadership_2011.pdf
25 maggio, dalle 09.00 alle 13.00
 
Per ulteriori informazioni: http://www.cc-ti.ch/corsi_all.asp

Il massaggio Abyangam è in realtà un viaggio che ha come meta il conoscere se stessi e far fiorire la propria vera natura. Questo è l’obbiettivo della filosofia Ayurvedica in cui è stato concepito, e da qui trae la sua efficacia terapeutica.

Secondo la filosofia ayurvedica, l’universo è costituito dai cinque elementi ossia l’etere, l’aria, il fuoco, l’acqua e la terra. Tutti i principi presenti nel macrocosmo o universo o natura sono anche presenti nell’essere umano in quanto egli rappresenta il microcosmo e viceversa. I cinque elementi concorrono a formare i tre Dosha, ovvero le tre energie principali che esprimono le qualità dominanti di una persona. Queste si compongo dalle caratteristiche fisiche, dalle condizioni psichiche e dal comportamento. In ogni individuo, tuttavia, c'è sempre un dosha che prevale sugli altri. A loro volta i Tri-dosha (3 Dosha) sono espressione dei cinque elementi.” Vata” è costituito dagli elementi di etere ed aria, “Pitta” è costituito da fuoco e acqua, “Kapha” è formato da acqua e terra.

Una persona di natura Vata è mobile, flessibile, fredda, veloce, generosa e leggera. La secchezza è una caratteristica del Vata, che si manifesta nella forma del corpo: piccolo e snello. I capelli, le unghie, gli occhi appaiono secchi. Il suono della voce di una persona vata è debole, spezzato e di tono basso; le sue attività, fisiche e mentali, sono improntate alla rapidità. Le persone in cui predomina l'energia Vata sono molto attive ma si stancano facilmente. Dal punto di vista emotivo sono molto sensibili e vulnerabili.

Una persona di tipo Pitta ha un metabolismo più alto della norma, per la qualità del calore del suo corpo. È calorosa, brusca, ha un marcato odore corporeo, ama i sapori piccanti e aspri. I capelli sono morbidi, con tendenza alla calvizie e a ingrigire. Di temperamento è coraggioso ma intollerante. Si agita e si incollerisce subito e ha poca pazienza.

Una persona Kapha è vigorosa, dotata di buoni mezzi materiali, conoscenza, tranquillità, serenità mentale. Ha un aspetto morbido, limpido e gentile. La chiarezza e la freschezza del kapha conferiscono un colorito e una voce gradevoli.


Abyangam – il massaggio ayurvedico

Abyangam in sanscrito assume un duplice significato: “abyasa” esercizio, “angam” tutte le direzioni e vuol dire “applicazione di olio in tutte le parti del corpo”. Fa parte del Panchakarma, cioè delle cinque tecniche di purificazione più note nell’Ayurveda.

Le sue modalità d’applicazione variano in relazione alle caratteristiche del paziente, al suo stato di salute ma anche in funzione delle stagioni. È quindi un trattamento personalizzato che prevede l'impiego di oli medicati. Ai benefici del massaggio si unisce dunque l'azione curativa delle sostanze contenute nell'olio che vengono assorbite attraverso la pelle. Lo scopo primario è quello di riportare in equilibrio i Tri-Dosha, Vata, Pitta e Kapha. Ogni Dosha domina in modo differente le funzioni psico-fisiche dell'organismo ed è dal loro disequilibrio che, secondo l'Ayurveda, nasce la malattia. Attraverso le varie manualità del massaggio si agisce anche su un sistema complesso di punti energetici, detti Marma, che vengono stimolati o pacificati. Questo approccio differenzia il massaggio ayurvedico dagli altri tipi di massaggi.

Riassumendo schematicamente possiamo quindi dire che, per decidere quali tecniche e quali oli applicare per ogni singolo individuo, dobbiamo valutarne la condizione, la costituzione ed i tessuti. Mentre per quanto riguarda i livelli d’azione dell’Abyangam, esso agisce a livello fisico, psicologico, energetico e strutturale migliorando il funzionamento di tutti gli organi, disintossicando l’organismo e ringiovanendo i tessuti, tonificando i muscoli, alleviando dolori reumatici, migliorando le lombo-sciatalgie, apportando calma, chiarezza mentale, diminuzione e resistenza allo stress, eliminazione della stanchezza, dell’ansia, dell’insonnia e, migliorando il rapporto con noi stessi, di conseguenza miglioreremo il rapporto con gli altri. Gli altri tipi di interventi coadiuvanti al massaggio ayurvedico per raggiungere un equilibrio psico-fisico sono: un’alimentazione specifica per la propria costituzione, riposo e buon uso delle energie, yoga e meditazione, corretta routine quotidiana e stagionale, uso di erbe e di spezie, depurazioni, ritiri in mezzo alla natura e buona compagnia.

Una volta compresa la costituzione individuale della singola persona ed individuato dove e come agire, all’operatore ayurvedico non resta che cercare di divenire un canale, uno strumento attraverso il quale l’Amore universale scorre, cosi' da metterci al servizio del Creatore.

Concludo con una frase di Osho: “A ogni pezzo delle antiche credenze che cade giù come una vecchia e arrugginita armatura, diventi sempre più leggero e più capace di celebrare la tua vita liberamente; proprio in questo momento, stai puntando a un incontro diretto con la verità. Meno bagaglio hai e più è facile che accada”.


Loredana Stranges

Shanti Deva

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0794333974