COMUNICATO STAMPA

Nuova linfa per i piccoli imprenditori

In un incontro conviviale, organizzato da FORMiKA, progetti, speranze e strategie per il 2013 a confronto.

È noto che l’economia ticinese è sorretta in gran parte dalle piccole e medie aziende.

Ma come si destreggiano i piccoli imprenditori in questi anni di recessione? E a chi fanno capo per confrontarsi e considerare i cambiamenti del mercato?

L’associazione FORMiKA, alla quale aderiscono circa 150 piccoli imprenditori ticinesi, ha organizzato il 10 gennaio, al ristorante Resega di Lugano, un incontro-aperitivo al quale hanno partecipato imprenditori e rappresentanti di istituzioni che operano a loro favore sul territorio.

È stato utile considerare come per molti le difficoltà li abbiano spronati a cercare altre nicchie di mercato e nuovi modi per ritagliarsi uno spazio anche in ambiti già apparentemente saturi.

Interessante anche la prospettiva, allo studio, di utili sinergie con SKV, l'associazione svizzera delle piccole e medie imprese.

Il presidente di FORMIKA, Francesco Forti, ha ribadito l’intento di coinvolgere maggiormente nel 2013, imprenditori, associazioni, addetti ai lavori, perché solo tramite un’efficace collaborazione è possibile creare una rete che sostenga e incoraggi proprio chi con pochi mezzi e tanta volontà è stato capace di scegliere in questi ultimi e difficili anni il lavoro autonomo, creando anche lavoro e benessere per il paese.

Un passo verso nuovi orizzonti

Martedì, 14 settembre 2010 alle ore 11.00 FORMiKA (Associazione dei microimprenditori) e CNA (Confederazione Nazionale Artigianato) di Como firmeranno il protocollo di collaborazione transfrontaliera. L’evento avrà luogo presso la sede ufficiale di FORMiKA, in via Sala 13 a Pregassona. Saranno presenti rappresentanti delle autorità cantonali ed italiane.

Il protocollo d’intesa prevede uno sportello CNA in Italia per le imprese svizzere che vogliono operare in Italia. Le microimprese italiane che desiderano operare in Svizzera possono rivolgersi allo sportello di FORMiKA a Lugano. Saranno organizzati incontri periodici su temi d’interesse comune tra le imprese ed un sito Internet in comune offrirà spazio per consolidare la collaborazione. Per le aziende socie delle rispettive associazioni e che agiscono nel rispetto dei bilaterali, è previsto “un bollino verde”.

Comunicato stampa
Modifiche tariffarie per i mercatini a Lugano


Il 2 giugno 2009 FORMiKA, l’Associazione dei microimprenditori ha espresso la sua
preoccupazione per le modifiche tariffarie inerenti i mercatini a Lugano. Con una lettera al
Municipio di Lugano, FORMiKA ha segnalato la difficoltà di alcuni piccoli imprenditori
a far fronte ad un aumento di prezzo e ha chiesto un rinvio di due anni. Siamo soddisfatti
dell’esito delle votazioni del Consiglio comunale di Lugano: un rincaro in questo momento
di crisi avrebbe ulteriormente indebolito e penalizzato le piccole bancarelle e messo in
pericolo la loro sopravvivenza. Ringraziamo tutti i municipali e consiglieri comunali che
hanno contribuito in modo attivo a questo risultato, dimostrando grande sensibilità per le
difficoltà della microimpresa.


Per quanto concerne il mercato settimanale, l’Associazione dei microimprenditori ha
chiesto al Municipio di Lugano di agevolare le tariffe usando parte dei fondi anticrisi.
Vezia, 19 giugno 2009.


Per ulteriori informazioni:
FORMiKA, l'Associazione dei microimprenditori
Casella postale 69
6943 Vezia
tel 091 600 96 62
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.formika.ch

19 Novembre 2008 - Comunicato stampa

Il comitato FORMiKA ha concordato in questi giorni il seguente comunicato
stampa, inviato ieri ai principali media del Cantone.

----------------

FORMiKA:
disappunto per il mancato accordo negli assegni familiari per
lavoratori indipendenti

L'associazione dei microimprenditori FORMiKA esprime il proprio disappunto per il mancato 
raggiungimento di un accordo al Gran Consiglio a proposito degli assegni familiari anche
per i lavoratori indipendenti.
Oggi tale diritto è riconosciuto, nell'ambito del lavoro dipendente, a tutti i salariati, 
dirigenti milionari compresi. Tale diritto è però negato a gran parte delle microimprese,
quelle costituite da ditte individuali e dai piccoli professionisti.

Negli ultimi anni, buona parte del lavoro dipendente si è trasformato in modo graduale
in lavoro autonomo ed in tante piccole ditte individuali. Si tratta di un fenomeno globale
che ha prodotto trasformazioni importanti in Svizzera e che rappresenta una grande
opportunità di crescita.

La microimpresa è anche la fucina da cui nascono le grandi imprese di domani e costituisce
il tessuto economico determinante della realtà economica ticinese e svizzera.
Non ha bisogno di essere avvantaggiata ma nemmeno di essere svantaggiata.

Si tratta di stabilire ora se certi diritti sono destinati solo ad alcune categorie di
lavoratori o se sono universali, e di iniziare in modo pragmatico da un primo
importante passo, allineandoci a quanto già stabilito in altri Cantoni.

Oramai il microimprenditore è abituato a non ricevere aiuti dallo Stato e per forza di
cose ha imparato a fare un passo per volta. Ciononostante, un primo iniziale riconoscimento
del diritto agli assegni familiari, almeno a chi ne ha più immediatamente e socialmente
bisogno, sarebbe stato un notevole aiuto a chi deve farcela con le proprie forze.

L'associazione FORMiKA auspica quindi che alla prossima occasione di voto sul tema
tutte le forze politiche siano consapevoli che nel cantone Ticino, decine di migliaia di
piccoli imprenditori lavorano duramente tanto quanto gli altri, hanno famiglia e figli e,
ogni 4 anni, votano.

FORMiKA, l'associazione dei microimprenditori
Casella postale 69
6943 Vezia
tel 091 600 96 62
fax 091 600 96 60
www.formika.ch